Salta il menu

Strumentista di Sala Operatoria

Sito Web sull'Assistenza Chirurgica
Home >> Note Operative > Il Tavolino portastrumenti

       

Il Tavolino portastrumenti

Il Tavolino portastrumenti è l'attrezzo più importante per lo Strumentista, essendo esso il posto sul quale raccogliere e ordinare gli strumenti necessari al compimento dell'intervento chirurgico.

Tipologia e caratteristiche

Anzitutto esistono due tipi di tavoli:
  • il tavolo principale o madre
  • il tavolo servitore

Generalmente il primo è più grande del secondo e mentre il secondo entra direttamente in contatto con il campo chirurgico, il primo rimane generalmente distaccato da esso. Il primo rappresenta un raccoglitore generale di strumenti, il secondo è invece un raccoglitore specifico, la cui specificità è legata ad azioni, fasi, abitudini e utilità dello specifico intervento chirurgico.
Generalmente il tavolo madre ha una forma rettangolare e dimensioni cospicue, è provvisto di ruote per poterlo spostare.
Il tavolo servitore ha forma rettangolare ma dimensioni minori, ha la superficie piana dotata di bordi rialzati ed ha l'asta di sostegno decentrata, rispetto al centro del piano operativo, per poter essere posto sul campo chirurgico e collocarsi al di sopra delle gambe del paziente. Anche il servitore è provvisto di ruote.
Sia il tavolo madre che il servitore sono provvisti di meccanismo per il sollevamento e la rotazione del piano. Sono di acciaio inox, facilmente igienizzabili.

Controlli e copertura sterile

Sia per il tavolo madre che per il servitore valgono alcune regole di uso e gestione:
  • Prima di allestire i tavoli, la superficie deve essere priva di polvere
  • Il piano dei tavoli deve essere ad una altezza comoda per il loro allestimento
  • Allestire i tavoli portastrumenti presuppone che ci sia spazio sufficiente per farlo
  • Controllare che sia possibile e agevole spostare i tavoli in base alle necessità
  • Controllare che il meccanismo di sollevamento sia efficace

Il tavolo madre si ricopre, in modo asettico con un ampio telo di tessuto impermeabilizzato e di una certa consistenza, specialmente nelle specialità ortopedico-traumatologiche, dove si impiegano strumenti pesanti e potenzialmente in grado di lacerare la copertura. Il telo di copertura deve poter coprire i bordi ed i lati del tavolo in modo da garantire la sterilità degli strumenti raccolti sopra esso.
Il tavolo servitore è generalmente vestito con un sacco apposito, detto sacco di Mayo. Questo sacco deve essere confezionato in modo tale che il suo impiego possa garantire sterilità ed evitare contaminazioni. Il sacco deve poter ricoprire anche l'asta di sostegno.

Mayo 1 *

Susi che veste il tavolo servitore con un sacco di Mayo

Gestione e organizzazione

Sul tavolo, madre o servitore, gli strumenti si ripongono con ordine e precisione, secondo schemi prestabiliti e che ogni realtà chirurgica deve ben codificare e documentare. Mai si devono allestire gli strumenti in modo confuso od estroso. ecco quindi alcune regole di buon allestimento:

  • Collocare strumenti simili con strumenti simili (pinze da emostasi con pinze da emostasi, pinze da presa con pinze da presa, spatole con spatole)
  • Non cambiare continuamente posto agli strumenti, per evitare che cadano e per sveltire la procedura di allestimento
  • Non lasciar cadere gli strumenti sul tavolo, ma appoggiarli
  • Non lanciare gli strumenti, ma accompagnarli
  • Non trascinare gli strumenti sul tavolo, per non rischiare di lacerare il telo sosttostante
  • Fare attenzione nel riporre strumenti taglienti o in grado di perforare
  • Disporre gli strumenti in modo sicuro e che non siano in bilico o nella possibilità di cadere
  • Mantenere ordine durante l'allestimento
  • Per quanto possibile, sul tavolo servitore non ci deve andare tutta la strumentazione disponibile, ma quella che serve all'intervento
  • Contare gli strumenti che si ripongono sui tavoli e controllare che corrispondano con quelli prestabiliti
  • Disporre gli strumenti secondo schema o logica. Nel primo caso ci si attiene a uno schema stabilito all'interno del gruppo infermieristico. Questo fa si che al momento del cambio di equipe, in corso di intervento, il subentrante non sia costretto a cercare gli strumenti.
    Se si usa la logica, cercare di disporre gli strumenti in modo che sia facile prelevarli e riporli e che ricalchino le fasi dell'intervento

*
Carrello servitore per chirurgia toracica

Durante l'intervento, il o i tavoli portastrumenti richiedono qualche attenzione:
  • Mantenere un ordine scrupoloso, ma senza che questo distolga lo Strumentista dal suo dovere assistenziale nei confronti del chirurgo
  • Evitare che i chirurghi mettano le proprie mani sul tavolino, specialmente se non si può controllare il perchè e cosa facciano
  • Dividere bene gli strumenti pericolosi e tenerli sott'occhio
  • Anche nella fretta delle varie fasi chirurgiche, non lanciare mai gli strumenti sul tavolo. Potrebbero rimbalzare e cadere o peggio lacerare il sacco copri-tavolo
  • Riporre gli strumenti nello stesso posto dal quale sono stati prelevati. Sarà più facile trovarli
  • In previsione del cambio di equipe, cercare di lasciare i tavoli in ordine e nel rispetto delle convenzioni
  • Chiarire al collega subentrante quali siano i punti critici nella gestione degli strumenti sul tavolo
  • Lasciare il tavolo solo quando il collega subentrante sia in grado di proseguire l'intervento autonomamente

*
Carrello servitore per surrenectomia laparoscopica

Al termine dell'intervento chirurgico, i tavoli vanno smantellati ed anche qui ci sono poche regole da seguire:
  • Smantellare il tavolo solo quando l'intervento è completamente terminato. Anticipare l'allontanamento degli strumenti, nella speranza di sveltire il cambio, non fa altro che mettere in pericolo il buon esito dell'intervento, specie se intervengono delle complicanze legate all'intervento e sia necessario riaprire la ferita chirurgica
  • Smantellare i tavoli con ordine e senza fretta, facendo attenzione agli strumenti potenzialmente pericolosi
  • Nello smantellamento, scomporre gli strumenti compositi
  • Non affidare ad altri lo smantellamento del tavolo, in quanto non sa se si debba fare attenzione a cose particolari
  • Ricontrollare il numero di strumenti impiegati

*
Carrello servitore per gastrectomia

Questa pagina ti è stata utile?
Scrivi all'autore per esprimere il tuo giudizio e i tuoi suggerimenti, indicando il titolo di questa pagina.
Grazie :-)

Strumentista di Sala Operatoria