Salta il menu

Strumentista di Sala Operatoria

Sito Web sull'Assistenza Chirurgica
Home >> SemiBlog > Marsupializzazione videolaparoscopica di cisti renale

       

Marsupializzazione videolaparoscopica di cisti renale

Mi sono lavato venerdi scorso per l'esecuzione di un intervento che non avevo mai visto. Si trattava di una marsupializzazione di cisti renale sinistra in videolaparoscopia.
Ho allestito il tavolino chirurgico con gli strumenti per la fase laparoscopica e per una eventuale conversione laparotomica. Su indicazione del chirurgo, ho preparato anche il bisturi armonico Ultracision® da 36 cm.
La paziente presentava alla indagine TC, una voluminosa cisti renale sinistra di 20 x 30 cm. che aveva medializzato il colon sinistro e che andava evacuata e marsupializzata, ovvero aperta e lasciata tale per consentire il riassorbimento del liquido, da parte del tessuto retroperitoneale.
La paziente è stata posta supina, sopra un cuscino a depressione per la sua immobilizzazione, con l'arto superiore sinistro sospeso ad un archetto. L'arto superiore destro è stato abdotto per l'accesso alle vie venose.

Gli accessi sono stati praticati nel seguente ordine:
  • Un trocar da 10 mm. all'incrocio tra la orizzontale passante per l'ombelico e la verticale passante per il terzo medio della clavicola
  • un trocar da 10 mm. posto all'incrocio tra l'orizzontale passante sulle spine iliache e la verticale passante per la ascellare anteriore
  • un trocar da 5 mm. posto all'incrocio tra la orizzontale passante per gli apici sottocostali e la verticale passante per la ascellare anteriore

Dopo una esplorazione della cavità peritoneale, il chirurgo ha delimitato l'area della cisti renale e isolato un area della cisti nella quale praticare una perforazione evacuativa con apposito ago e tubo aspiratore. Sono stati aspirati in totale 1900 ml di liquido citrino.
Con Johanne e Ultracision, il chirurgo ha prelevato un ampia sezione della cisti, che è stata poi inviata ad esame istologico.
Valutata l'apertura ampia della cisti, ha eseguito una accurata emostasi dei margini di resezione e praticato un lavaggio peritoneale.
Con la rimozione dei trocars, l'intervento si è concluso, per una durata di circa un'ora.

Questo argomento ti è piaciuto?
Scrivi all'autore per esprimere un tuo commento, indicando il titolo di questa pagina. Il tuo commento verrà pubblicato dopo attenta valutazione.
Grazie :-)

Strumentista di Sala Operatoria