Salta il menu

Strumentista di Sala Operatoria

Sito Web sull'Assistenza Chirurgica
Home >> SemiBlog > La Maledizione

       

La Maledizione

Con la doppia chiamata di questa notte, ho raggiunto il poco invidiabile record di 11 chiamate su 13 reperibilità. La percentuale esatta non la so e non mi interessa. So solo che sono stanco di una organizzazione difettosa che usa ancora un vecchio modo di coprire le necessità chirurgiche non pianificabili, con le reperibilità o, detta alla politichese, pronte disponibilità.
Quello che mi fa incazzare di più è che il turno mattina/notte è stato abolito per legge, ma io ogni volta faccio mattina e notte senza il beneficio almeno dello smonto.
Alle 8 del mattino finisce la reperibilità e alle 14 comincia il mio pomeriggio. 6 ore di riposo, qualunque sia stata la nottata.
Questa notte mi è andata male e sulle dodici ore di reperibilità ne ho lavorate 8 e mezza. Ho dormito 5 ore e mezzo in tutto, tra prima e seconda puntata, e oggi sono di nuovo li. Non è giusto! Non è equo e non è nemmeno tanto sicuro, nel senso che io non posso garantire nessun tipo di sicurezza ed efficienza.

Credo che si debba far qualcosa per modificare questa procedura. Malgrado i progressi della scienza, le necessità chirurgiche sono in costante aumento e l'uso dell'intervento chirurgico per la soluzione dei problemi di salute della gente, è vorticosamente aumentato. Però il lavoro del personale di SO è ancorato a sistemi turnistici di 40 anni fa, quando erano già allora appena sufficienti.

Ma poi ditemi che vita è. Se io oggi avevo un impegno improcrastinabile, cosa facevo? Non avrei potuto dormire e oggi andavo a lavorare divenendo un problema per il paziente. E nemmeno che io debba ogni volta rinunciare a vivere, perché sono reperibile, altrimenti si chiama sfruttamento.
Questo post non sortirà alcun effetto da un punto di vista pratico e le cose rimarranno come sono attualmente, ma volevo avvisare la cittadinanza che se ha bisogno di eseguire un intervento chirurgico, si informi su quali siano le condizioni psicologiche e fisiche di chi li opera, perché insieme a me c'erano due chirurghi e un anestesista che oggi torneranno a mettere la mani addosso alla gente.

Se chi legge questo post ha intenzione di lavorare in Sala Operatoria, tenga presente la Maledizione, perché una volta varcata la soglia di un qualsiasi Blocco Operatorio, lo spettro di una vita limitata, calerà addosso come una cappa nera e pesante e se fossi in voi non lo farei!

Questo argomento ti è piaciuto?
Scrivi all'autore per esprimere un tuo commento, indicando il titolo di questa pagina. Il tuo commento verrà pubblicato dopo attenta valutazione.
Grazie :-)

Strumentista di Sala Operatoria