Salta il menu

Strumentista di Sala Operatoria

Sito Web sull'Assistenza Chirurgica
Home >> Ortopedia & Traumatologia >> Spalla > Protesi di spalla

Protesi di spalla

In questa pagina sono esposte delle indicazioni generiche riguardanti strumentario e svolgimento dell'intervento. Il lettore è quindi invitato a considerare questa come una linea guida sulla quale adattare il singolo caso e le abitudini procedurali e tecniche della propria realtà operativa.

Quando patologie degenerative dell'articolazione gleno-omerale generano dolore e invalidità, o quando fratture della testa omerale non possano essere rimediate in forma conservativa, si ricorre alla sostituzione dell'articolazione della spalla con materiale protesico.

1. Strumenti

3. Garze ?

  • Flanelle laparotomiche
  • Garze 10x10

4. Teleria ?

  • Teleria appositamente dedicata o teleria sufficiente per lasciare esposto tutto l'arto superiore e la spalla, dalla base del colo

5. Fili Sutura e Lame ?

  • Lama 10 e 20
  • Suture per la chiusura della capsula articolare e della ferita

6. Presidiato ?

  • Aspiratore
  • Stockiner per comprire l'avambraccio
  • Cemento acrilico per fissare la protesi
  • Siringa 60 ml per il lavaggio della sede chirurgica
  • Telo trasparente adesivo

7. Annotazioni

  • /

8. Letto e Posizioni

  • Posizione semiseduta con l'apice della spalla esposto. La testa del paziente viene tenuta saldamente in posizione da apposito accessorio del letto. Flettere il letto in modo che il paziente non scivoli verso il basso

9. Descrizione dell'intervento

  1. Dopo l'accurata disinfezione e l'allestimento del campo chirurgico, il chirurgo effettua l'accesso deltoide-pettorale
  2. Il deltoide viene spostato lateralmente con l'uso di una spatola o di una leva di Hohmann. Il pettorale viene retratto medialmente con l'aiuto di una spatola.
  3. La fascia clavipettorale viene incisa sotto al legamento coraco-acromiale
  4. Lo spazio sottoacromiale viene pulito e la faccia inferiore del deltoide viene mobilizzata per permettere di posizionare una leva di Hohmann. La parte laterale dell'inserzione del muscolo coracoideo può essere diviso per migliorare l'accesso
  5. Il sottoscapolare è diviso in due a circa due centimetri dalla doccia del tendine lungo del bicipite usando bisturi elettrico o forbici da dissezione. Prima della sua apertura vengono applicati dei punti di sutura che verranno impiegati poi per richiudere il muscolo a fine intervento
  6. A questo punto la testa omerale viene lussata extraruotando il braccio. Vengono collocate delle leve per esporre la testa omerale. Con l'aiuto di una ossivora di Luer, viene pulito il colletto della testa omerale e con bisturi elettrico vengono rimossi i tessuti molli infiammatori eccedenti.
  7. Osteotomia della testa omerale con sega oscillante. Questa viene eseguita sfruttando delle apposite maschere sulle quali agire con la sega oscillante (secondo le specifiche istruzione del tipo di protesi impiegata). Viene quindi lavata la sede chirurgica
  8. Viene quindi preparato il canale midollare dell'omero con gli appositi alesatori a mano. Il residuo midollare viene aspirato. Viene poi inserita una protesi di prova e la spalla viene ridotta per controllare le distanze e l'atteggiamento della protesi nei confronti della glenoide.
  9. Viene quindi preparata la glenoide per l'accoglienza della protesi. L'arto viene abdotto e viene posizionata una leva di Fukuda per abbassare la testa omerale ed esporre la glenoide. Con bisturi elettrico e pinze chirurgiche, vengono asportare tutte le formazioni tissutali del labbro glenoideo. Viene marcato il centro della glenoide per procedere al suo trattamento.
  10. Viene quindi impiegata un apposito alesatore che prepara il collo della glenoide e su questo breve canale viene impiegata la fresa che prepara il fondo della glenoide
  11. Con l'impiego di apposite mascherine, viene preparato lo scasso che accoglie lo stelo della glenoide.
  12. A questo punto viene inserita la protesi glenoidea, che viene fissata con cemento (da preparare solo su richiesta del chirurgo). La protesi viene battuta con apposito strumento e martello e l'eccesso di cemento viene asportato con pinze anatomiche.
  13. Vengono poi effettuati dei fori sul collo omerale attraverso i quali far passare dei fili di sutura con i quali fissare il sottoscapolare. Vengono eseguiti con frese elicoidali da 2 mm. o con fili di Kirschner di medesimo calibro
  14. Viene quindi inserita la componente omerale della protesi (stelo) che può essere cementata o a pressione, a seconda della scelta del chirurgo. Viene battuta nel canale omerale con apposito battitore e martello
  15. Vengono quindi effettuati dei lavaggi della cavità e si procede alla chiusura del sottoscapolare con le suture applicate in precedenza.
  16. Conteggio dello strumentario e del garzame
  17. Chiusura della ferita e medicazione
Aspetto della protesi di spalla

Questa pagina ti è stata utile?
Scrivi all'autore per esprimere il tuo giudizio e i tuoi suggerimenti, indicando il titolo di questa pagina.
Grazie :-)

Strumentista di Sala Operatoria